brevetti

Gli Stati che aderiscono alla Convenzione Europea sui brevetti, attualmente sono 38 (tutti i paesi membri dell’Unione e alcuni dei paesi terzi), è uno strumento apporta al titolare un diritto di esclusiva e ha come principale caratteristica il fatto di richiedere un’unica e centralizzata procedura di deposito, di esame e di concessione. Ciò comporta un tempo più ragionevole, spese meno gravose e procedure rese unitarie dall’omologazione dei riferimenti normativi e della presenza dell’ente che ne gestisce l’istituto. L’ente competente è infatti, l’Ufficio Europeo Brevetti (EPO) incaricata di procedere all’esame puramente formale della domanda.. Una volta depositata la domanda, nell’arco di tempo che va dai tre ai sei mesi, l’ente fornirà un “Rapporto di Ricerca” e un’Opinione di brevettabilità. Al diciottesimo mese dalla data di primo deposito (per il quale è previsto si possa mantenere la data di priorità) la domanda viene pubblicata contestualmente al rapporto di ricerca. E’ altresì possibile richiedere un esame sostanziale, su quegli aspetti tipici dell’invenzione/soluzione come novità, attività inventiva e applicabilità industriale). A seguito di quest’esame verrà redatto un “Rapporto di Ricerca” contenente gli elementi salienti della domanda, eventuali motivi ostativi e un parere scritto sull’effettiva brevettabilità. Superato l’esame si procede con la concessione e la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale dei Brevetti europei. Ottenuto il brevetto sarà necessario rendere valido in ciascun Paese il “brevetto europeo” solamente mediante pagamento delle relative tasse annuali per il mantenimento; la sua validità decade irreversibilmente e automaticamente smettendo di pagare le relative imposte per il suo mantenimento. inoltre, dalla data di pubblicazione nel bollettino ufficiale e per i nove mesi successivi, il brevetto può essere sottoposto ad opposizione da parte di terzi; decorso tale periodo, l’unico modo per far valere la sua nullità sarà attraverso tradizionali cause giudiziarie nel singoli Paesi di riferimento.

Per ulteriori informazioni