Italia: la Top 20 dei Brand Più Autentici secondo i Consumatori

Italia: la Top 20 dei Brand Più Autentici secondo i Consumatori


L’agenzia di comunicazione Cohn & Wolfe ha stilato una Classifica Globale dei 100
Marchi più Autentici, scopriamo insieme la Top 20 Italiana

The Global Authentic 100 2017: la Ricerca di Cohn & Wolfe

Per chi non la conoscesse, Cohn & Wolfe è una nota agenzia di comunicazione che opera a livello internazionale. Il 20 novembre ha reso noto un elenco (riferito all’anno 2017) dei brand più autentici secondo i consumatori.

La classifica è il risultato di uno studio sull’ autenticità del business, calcolata sulla base di tre indicatori:

  1. concretezza,
  2. rispetto,
  3. affidabilità.

In altre parole, ci si è chiesto: come viene percepito il brand? Quali sono le caratteristiche associate alla sua autenticità e in che modo questa influisce sui comportamenti di consumatori, dipendenti e investitori?

Dalle risposte a queste domande è emersa l’importanza cruciale del tipo di relazione che il consumatore instaura con il brand, non più distante e irraggiungibile, ma a portata di click grazie alle nuove frontiere tecnologiche. Recensioni, post e commenti sui social network, ad esempio, sono potenti strumenti al servizio del consumatore e influenzano la percezione dell’autenticità della marca.

Dalla ricerca di Cohn & Wolfe è chiaro che l’autenticità di un brand viene premiata con il successo. A sostegno di questa teoria troviamo i numeri registrati dall’edizione 2017, che ha preso in esame 15 mercati, coinvolgendo ben 15 mila avventori. Per quanto concerne l’Italia, i dati raccolti attestano che il 97% degli utenti è più propenso a considerare e recensire positivamente un prodotto/servizio di un marchio autentico, mentre il 60%, addirittura, lo acquisterebbe.

Conosci il Bando Marchi + 3? Scopri come partecipare qui.


I 20 Brand Più Autentici del 2017 secondo gli Italiani

Marchi-Italiani-più-autentici-2017
La
Top 20 dei Brand Più Autentici del 2017 secondo gli Italiani – Photo Credits: Cohn & Wolfe

Da The Global Authentic 100 è possibile ricavare una classifica tutta italiana (puoi vederla per esteso qui) da cui estrapolare una magnifica Top 20. Il podio è occupato da brand come Amazon (primo anche nella classifica globale), Ferrero e Ferrari, seguiti da Rana e Nutella. Ciò che emerge è che a ispirare autenticità sono marchi iconici, legati al cliente da un rapporto di uso quotidiano (Ferrero, Rana, Nutella) o di storica ammirazione (Ferrari).

Come si fa, infatti, a non fidarsi di un signore gioviale e genuino come Giovanni Rana? Siamo davanti all’umanizzazione di un brand che incarna a pieno i valori cardine dell’autenticità: concretezza, rispetto, affidabilità.
Barilla si colloca appena due posizioni più giù, mentre al decimo posto troviamo Coop. A quanto pare il suo “la Coop sei tu” ha fatto definitivamente breccia nel cuore degli Italiani, che sempre più spesso cercano il “prodotto a marchio Coop”.

Dei 20 brand più apprezzati, la maggior parte è Made in Italy: Ferrero, Ferrari, Rana, Nutella, Barilla, Coop, Bauli, Mulino Bianco, Birra Moretti, Buitoni e Peroni. Su venti marchi, nove sono stranieri: Amazon, Paypal, Lindt Excellence, Disney, Rolex, Audi, Mercedes-Benz, Microsoft e BMW.

Come si evince dalla classifica italiana (e anche da quella globale) la tecnologia sta assumendo un ruolo sempre più importante nella vita del consumatore, che surfa sul web grazie a brand come Apple e Microsoft, usa Google per informarsi su un prodotto o servizio prima di acquistare e quando e se decide di farlo, utilizza PayPal in “enormi centri commerciali virtuali” come Amazon.

E che dire dei Millennials? È uno dei target più ambiti e per essere conquistato pretende attenzione, intesa sia come rapporto personale con il brand che come ascolto dei propri bisogni. Quando si tratta di acquistare, infatti, la Generazione Y è tutt’altro che superficiale, premiando quelle idee innovative e quelle soluzioni originali che migliorano la qualità della vita, semplificandola.

Autenticità del Marchio: note a margine

Il valore dell’autenticità è determinato non solo da concretezza, rispetto e affidabilità,  ma anche dalla capacità di mettere al centro il consumatore e le sue esigenze.

Degli indicatori considerati, il rispetto è quello che influisce maggiormente nella percezione del brand, probabilmente, perché va costruito e conquistato con il tempo. Per farlo è necessario mantenere un rapporto continuo e attento con il cliente, che dovrà essere sempre soddisfatto del prodotto/servizio richiesto. Inoltre, il consumatore dovrà sentirsi tranquillo rispetto ai dati rilasciati, perché sarà consapevole che saranno trattati con cura e nel rispetto della sua privacy.

Non è un caso che la percezione dell’autenticità del brand sia legata, soprattutto, al settore automobilistico. Si tratta, infatti, di una vera e propria marcia in più, capace di decretare il successo o l’insuccesso del tuo business.

Se ne possiedi già uno o per lavoro fai del personal branding considerare gli indicatori Cohne & Wolfe (concretezza, rispetto e affidabilità) è un buon modo per fare un check al tuo marchio.

Quanto è concreto, rispettabile e affidabile il tuo brand? Ti sembra più o meno autentico dei tuoi principali competitor? Su quali aspetti puoi agire per migliorare la tua situazione attuale?

Riflettere su queste domande non potrà che giovare alla tua attività e magari un giorno, potrai finire anche tu nella Top 20 dei Brand Più autentici. Cosa ne pensi della classifica italiana? Da consumatore, quante e quali posizioni condividi? Raccontacelo in un commento a questo post.

Fonti: Cohn & Wolfe  

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Commento (obbligatorio)

È possibile utilizzare tag e attributi HTML:

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.