Proprietà intellettuale e POR: la Calabria finanzia le PMI

Proprietà intellettuale e POR: la Calabria finanzia le PMI

POR Calabria:  finanziamenti per PMI anche per valorizzare proprietà intellettuale o per richiedere consulenze a professionisti di settore grazie ad un fondo di oltre 3 milioni di euro.

Scade il 30 luglio il bando Por Calabria FESR-FSE 2014/2020 Azione1.1.2. “Sostegno per l’acquisto di servizi per l’innovazione tecnologica, strategica, organizzativa e commerciale delle imprese”, all’interno dei piani di Promozione della Ricerca e dell’Innovazione della Regione Calabria per le PMI del nostro territorio e in collaborazione con il supporto tecnico-scientifico di Fincalabra S.p.a.

I contributi, a fondo perduto, ammontano complessivamente ad euro 3.935.649,80 ma c’è la possibilità di incrementare il fondo attraverso nuove risorse o nell’ambito di riprogrammazioni o provvedimenti di disimpegno.

Possono manifestare la volontà di partecipare al bando tutte quelle imprese con sede in Calabria, se in regola con le normative vigenti in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, quelle iscritte nel registro delle imprese non sottoposte a procedure di fallimento liquidazione o in condizione di difficoltà (art. 4 del presente bando)

  1. AGROALIMENTARE
  2. CULTURA CREATIVA E FILIERA DEL TURISMO
  3. EDILIZIA SOSTENIBILE
  4. LOGISTICA
  5. ICT E TERZIARIO INNOVATIVO
  6. AMBIENTE E RISCHI NATURALI
  7. SCIENZA DELLA VITA
  • L’obiettivo dell’intervento è quello di accrescere la competitività delle PMI del territorio calabrese attraverso un sostegno reale nella realizzazione di progetti innovativi, coerenti, di lungo periodo e con un approccio che punta alla qualità dei servizi e delle consulenze più indicate, caso per caso, azienda per azienda.

Il bando, con il supporto di una tabella chiara e puntuale, descrive l’ambito dei servizi coinvolti e tra:

  1. le consulenze per il miglioramento dell’efficienza produttiva, ambientale ed energetica
  2. il supporto per l’adozione di innovazioni e tecnologie
  3. il sostegno all’attivazione di forme di cooperazione transnazionale per la valorizzazione di tecnologie, prodotti e servizi innovative
  4. o consulenze normative
  5. troviamo anche consulenze e supporto in materia di acquisizione, protezione e commercializzazione dei diritti di proprietà intellettuale

In questo ambito i servizi sono finalizzati alla tutela delle opere di ingegno, dunque della creatività come parte rilevante dell’attività aziendale o veri e propri know how e titoli di proprietà industriale, che sono il pane quotidiano per le imprese che fanno dell’internazionalizzazione e dell’innovazione il core business e la mission più proficua.

Con il presente bando le PMI in Calabria fino al 30 luglio 2016 potranno richiedere le agevolazioni per la realizzazione di studi e consulenze inerenti alla preparazione e al deposito della domanda di brevetto, sue estensioni (a livello europeo e internazionale); potranno ambire alla realizzazione del medesimo percorso per quel che riguarda marchi; consulenze per la gestione del portafoglio della proprietà industriale, valorizzazione di asset e forme licenze o anche semplicemente richiedere consulenze tecnico-legali, legate al tema della IP (brevetti per invenzione industriale e modelli di utilità, disegni o modelli ornamentali, nuove varietà vegetali, marchi).

  • Tali consulenze e tali servizi devono provenire da specialisti erogatori, professionisti, regolarmente iscritti, ove previsto per legge, negli albi professionali rispettivi, titolari di partita IVA, imprese, università o altri enti e organismi di ricerca di comprovata e rilevante esperienza nell’ambito di progetti simili al tema qui in oggetto.

Le prestazioni dei professionisti dovranno essere giustificate in tutte le fase del progetto e il loro costo giornaliero non può comunque superare euro 300,00 per quei professionisti che operano nel settore da 3-5 anni ed euro 500,00 per chi invece supera questa soglia.

Le spese ammissibili non possono essere cumulate con altri bandi o agevolazioni pubbliche, non possono poi, essere adoperate per pagare imposte e tasse o scorte utili al sostentamento ordinario dell’impresa

L’importo finanziabile può esser concesso per un massimo del 75% delle spese previste e comunque non oltre i 100 mila euro per ogni azienda.

Il bando scade il 30 luglio 2016 e le domande di adesione dovranno essere compilate on line, previa registrazione al sito della  Regione Calabria o tramite il portale di Calabriainnova all’interno dei quali sarà possibile visionare il bando ufficiale, eventuali avvisi e comunicazioni e delucidazioni sulla documentazione da preparare e presentare ai fini della realizzazione del progetto.

[Crediti Foto Copertina]
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Commento (obbligatorio)

È possibile utilizzare tag e attributi HTML:

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatorio)