COOPStartup Calabria- Ricomincio da t(r)e

[space height =”20″]

Al via Coopstartup, fortemente voluto da Legacoop Calabria, Coopfond e Regione Calabria, il progetto che tenterà di incentivare e sostenere l’incremento occupazionale mediante la creazione di imprese, che saranno seguite da esperti e programmazioni oculate in vista di una crescita di lungo periodo.

L’obiettivo è quello di creare cooperative unite sotto un’idea di impresa che possa servire da sviluppo per l’intero territorio.

Fare impresa vuol dire offrire alla comunità, crescita economica e sociale nonché, in termini più spiccioli, lavoro, occupazione e stabilità per le nuove generazioni. Il punto di partenza del progetto è rappresentato, ancora una volta, dalle innovazioni, dalla tecnologia e da tutti quei settori chiave rientranti negli obiettivi e nelle priorità dell’agenda europea. Ci si affaccia quindi, alla sostenibilità, solidarietà e capacità di recepire gli stimoli di un mondo che viaggia ad estrema velocità.

Il programma di investimenti è rivolto a uomini e donne (fino a 40 anni) che intendano aprire un’attività imprenditoriale con sede in Calabria attraverso la forma societaria delle cooperative e sarà caratterizzato da una fase di formazione a più step per fornire agli ambiziosi del territorio delle competenze sul mondo del mercato e dell’economia. In una seconda fase saranno poi selezionate le proposte imprenditoriali di maggiore presa che gli addetti ai lavori accompagneranno per tutto il periodo successivo fino allo step del vero e proprio avvio (dopo i 36 mesi di startupping, in sostanza).

Il bando partirà il prossimo 12 gennaio e si chiuderà l’11 marzo. Le candidature per Coopstartup Calabria-Ricomincio da t(r)e dovranno essere presentate online sito Coopstartup.

Tali cooperative dovranno esser costituite da almeno tre soggetti, i gruppi sono aperti in modo che i soggetti interessati a una determinata tipologia di progetto d’impresa possano aderirvi senza moltiplicarne le forme e consentendo dunque una crescita in termini di competenze interne diversificate all’interno di questi gruppi (d’interesse).

Oltre ai veri e propri promotori del progetto, è stata prevista la possibilità per qualsiasi altro portatore di interesse la possibilità di aderire a tali gruppi di idee, in qualsiasi momento. Il punto forza di questo network potenziale risiede nell’enorme bagaglio esperenziale e competenziale che tali incontri sono in grado di produrre. Si tratta di soggetti pubblici e privati, che hanno una vocazione formativa per eccellenza, come le Università, gli Istituti e le società specializzate nella formazione di impresa

L’Università Magna Græcia di Catanzaro, L’Unical di Cosenza e la Mediterranea di Reggio Calabria hanno già aderito, si sono accodati anche Talent Garden e LegaCoop, mentre sono in attesa di risposta le adesioni di FinCalabra, Technest e Associazione Risorgimenti.

L’estratto del progetto evidenzia la presenza di alcune fasi, dieci per la precisione: le prime vanno dall’attivazione del network di progetto, al lancio di un bando per l’accoglimento delle idee imprenditoriali al termine delle quali partirà la fase formativa per tutti gli iscritti al bando sui principi della creazione di startup, il tutto online su piattaforme di e-learning.

Sarà poi il tempo della presentazione delle idee di impresa e dunque della loro valutazione e della votazione di almeno 20 di queste che saranno poi soggette ad una formazione più specifica per la stesura di un progetto finale, integrato ad un business plan che andrà poi votato per la conclusione effettiva del bando. Solo 5 di questi saranno decretati vincitori. (Ma nessuno tornerà a casa a mani vuote, poiché avranno ricevuto tutti una formazione, una guida che anche se non sostenuti per tutto il percorso potrà servire da stimolo per continuare ad andare avanti e tentare la fortuna nel mercato con competenze più chiare ed efficienti.

Il premio stanziato, ammonta a 15 mila euro e per i 36 mesi successivi le startup saranno seguite passo dopo passo nella loro ascesa nel mercato. Per ognuna delle 5 imprese selezionate, CoopStartup ha previsto una somma di 5 mila euro a fondo perduto da parte di CoopFond, per copreire parte dei costi di avviamento, oltre alla possibilità di aderire ad una particolare forma di credito agevolato, fino a un massimo di 150 mila euro. [Per saperne di più]

[Sito ufficiale del progetto: Coopstartup Calabria] [Crediti Foto Copertina]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Studio Rubino Srl
PI: 02316340799

Via Cola di Rienzo, 265
00193 ROMA (RM)
Tel: (+39) 0350075287
staff@studiorubino.com